Search
  • Madrid - Spain
  • info@idesiderata.it / 0034 603427434
Search Menu

SANTIAGO DE COMPOSTELA

Santiago de Compostela

Santiago de Compostela è la meta finale del Cammino di Santiago: il lungo percorso che i pellegrini fin dal Medioevo intraprendevano attraverso la Francia e la Spagna, per giungere al Santuario di Santiago, dove è sepolto San Giacomo Apostolo. Nel Medioevo era la terza destinazione dei pellegrini cristiani dopo Gerusalemme e Roma. Oggi vi si respira un atmosfera magica, in cui lo spirito cristiano dei pellegrini, che giungono da ogni parte del mondo, si fonde e confonde con la vitalità degli abitanti e con il folklore della verde Galizia.

ARTE E STORIA: COSA VEDERE

Fin dal Medioevo i pellegrini restavano senza parole di fronte alla magnifica cattedrale di San Giacomo Apostolo in piazza in Praza de Obradoiro. Qui sorge un congiunto architettonico di edifici storici di gran pregio a cui il granito locale conferisce un apparenza uniforme. Domina la piazza la facciata barocca della Cattedrale, costruita tra i secoli XI-XII su una primitiva basilica del IX secolo voluta da Alfonso II. Al XII secolo risale il portico della Gloria in stile romanico, un capolavoro con statue di apostoli e profeti realizzate dal Maestro Mateo. Dal Portico si accede all’interno dove in una urna della cripta si trova la tomba del Santo, mentre dietro l’altare la statua di Santiago (sec. XIII) con un mantello argenteo che i pellegrini baciano in segno di devozione. All’interno della chiesa si possono visitare il chiostro e il museo. Nelle celebrazioni solenni si utilizza un enorme incensiere, Botafumeiro, che otto preti fanno oscillare sull’altare maggiore.

Facciata della Cattedrale di San Giacomo Apostolo.

Facciata della Cattedrale di San Giacomo Apostolo.

Sulla piazza si affaccia l’antico albergo che accoglieva i pellegrini infermi, con un imponente portale barocco: oggi è un hotel de los Reyes Catolicos della catena Parador (Obradoiro, 1, www.parador.es): all’interno conserva molti dettagli antiquari, come la fontana di pietra nel chiostro.

Digital StillCamera

El Pazo de Raxoi in Praza Do Obradoiro. Fu costruito nel 17772 ed e’ la sede della Giunta di Galizia e del comune.

Ai lati della Cattedrale si aprono altre piazze: Praza da Praterias, con una fontana del XVII secolo al centro, Praza de Quintana, antico cimitero romano, con il Convento de San Paio de Antealtares, monastero risalente al IX secolo. Tutto il centro storico è pedonale, tanto che è un piacere perdersi tra le sue vie, come Rua Nova o Rua do Vilar, fermarsi ad ascoltare i musicisti di strada nelle piazzuole ed osservare lo spettacolo del mondo nel via-vai incessante dei pellegrini.

Scorcio di Santiago de Compostela.

Scorcio di Santiago de Compostela.

Il Museo do pobo Galego (Campo de San Domingos de Bonaval) si trova nell’antico convento Santo Domingo de Bonaval, con una esposizione permanente dedicata al folklore locale e alla sua influenza celtica dominante. Il Galician Centre of Contemporary Art (0034 981 546629, www.cgac.org) e’ un centro dedicato all’arte contemporanea contenuto in uno spazio  di Alvaro Siza e dedicato ad ospitare mostre di arte contemporanea.

Parte integrante della città è il verde ed i suoi numerosi giardini: ti suggerisco una passeggiata nel Parco Alameda (tra Rúa do Pombal e Avenida Xoan Carlos I) per una vista panoramica della cattedrale e per incontrarti con l’inaspettato: un concerto improvvisato, uno spettacolo di strada o due signore passeggiando sotto la pioggia.

DSC04883

 

TIPICITA’

A Santiago de Compostela l’offerta culinaria è amplia e adatta a tutte le esigenze, con prodotti locali di grande qualità: pesce, frutti di mare e carne. Il piatto tipico e’ il pulpo a la galega: i tentacoli di un polipo a fettine con patate lesse e una spolverata di paprika, accompagnato da un vino bianco Albariño.   . Da provare i berberechos , molluschi che abbondano nelle sabbie della costa galiziane e sulle tavole e las empanadas, fatte con pasta sfoglia ripiena. Caratteristico i pimientos de Padron: un piatto con piccoli peperoni verdi alla griglia a cui prestare oltre il palato, l’attenzione “Pementos de Padrón, uns pican e outros non” (…ovvero rischi di assagiarne uno molto piccante).

Dintorni di San Giacomo di Compostela.

 

TI CONSIGLIO

I pellegrini moderni seguono le tracce di quelli medievali percorrendo il loro stesso cammino direzione Santiago de Compostela. Il cammino francese ha inizio a Saint Jean Pied de Port e termina a Santiago dopo 780 Km; mentre il cammino del Nord parte da Irun e termina a Santiago dopo 825 Km. Per consultare tutti i percorsi riconosciuti e informazioni pratiche per intraprendere questa avventura consulta la pagina web officiale www.xacobeo.es. L’ufficio che rilascia il certificato ai pellegrini che hanno effettuato il cammino si trova in Rua do Vilar 1, “Oficina de Acogida del Peregrino” (tel. 0034 981 56 24 19). Santiago de Compostela è un vivace centro universitario, quindi troverai anche ambiente e locali formato giovani. Ricorda di portare sempre l’ombrello dato che la pioggia e’ parte integrante del paesaggio.

Leave a Comment

Required fields are marked *.